ordina self-service
Chiamaci ora: 800996103

Quando la moda incontra il solare: 5 esempi che ti lasceranno senza parole

Cosa succede quando unisci insieme salvaguardia dell’ambiente, tecnologia solare e moda?  Ovvio: alcuni pezzi incredibili di design che attirano l’attenzione di tutti, sempre e ovunque.

Diamo allora un’occhiata alle 5 volte in cui i guru della moda hanno usato i pannelli solari nel loro mestiere.

1) Giacche a energia solare di Tommy Hilfiger
Nel 2014, gli amanti della moda attenti all’ambiente hanno avuto pane per i loro denti: un designer di fama mondiale Tommy Hilfiger ha presentato giacche a pannelli solari per uomo e donna. Fatti per i riflettori (e la luce del giorno, ovviamente!). L’esposizione ai raggi del sole permette ai pannelli solari di generare abbastanza elettricità per caricare un telefono cellulare, un tablet o un altro dispositivo elettronico – così tutte le preoccupazioni riguardo la durata della batteria vengono azzerate. I pannelli sono facilmente rimovibili, così da poterli togliere e mettere ogni volta che si vuole.

2) Occhiali da sole di Tzukuri
Ricorda l’ultima volta che hai comprato un nuovo paio di occhiali da sole. Quanto sono durati? Sì, ammettiamolo, siamo tutti colpevoli di non curarci troppo di dove e come li conserviamo. Oltre a ricomprarli e spendere altri soldi, uscire senza occhiali è davvero una scocciatura. Ecco perché la società australiana Tzukuri ha introdotto una linea speciale di occhiali da sole: protetta dai raggi UV, antigraffio e integrata con un sistema GPS ad energia solare. Un chip di tracciamento è collegato all’app del telefono tramite Bluetooth. Significa non perdere mai più gli occhiali da sole: l’app mostrerà sempre la loro posizione esatta!

3) Orologi ad energia solare di Casio
Alcuni articoli di moda con pannelli solari incorporati arrivano in edizioni limitate e poi silenziosamente escono dal mercato, per non essere mai più visti. Con gli orologi, è una storia diversa. Gli orologi ad energia solare sono costantemente in auge, grazie alla semplice tecnologia di cui sono fatti. Usano l’energia della luce invece di una batteria tradizionale, quindi non bisogna più preoccuparsi della sostituzione della batteria. In effetti, possono ricevere quasi tutte le fonti di luce (anche le più deboli) e sono in grado di funzionare per diversi mesi di buio. Un esempio è con la Casio, ma le possibilità sono tante.

4) Zaino RLX di Ralph Lauren5
Zaino solare? Sì grazie. Lo zaino RLX di Ralph Lauren è apparso sul mercato nel 2011 – in un periodo in cui i dispositivi indossabili e gli accessori a energia solare erano lontani dalla scena. Inutile dire che si tratta di un oggetto molto interessante: dal materiale impermeabile nero / arancio brillante e al pannello solare sul retro. La borsa è stata promossa con la possibilità di caricare un telefono in meno di tre ore (soprattutto quando il sole splende!). E la qualità parla da sola: molte tasche, una comoda maniglia, spalline imbottite regolabili, una patta superiore affidabile con chiusura a fibbia. Per tutti coloro che preferiscono un modo diciamo anticonvenzionale per aiutare l’ambiente, questa chicca (costosa!) è entrata nella loro lista dei desideri!

5) Collana con pannello solare Lux di Mae Yokoyama
Immagina una collana fatta con pannelli solari. Smetti di immaginarla, e vai direttamente al sito di Mae Yokoyama per vedere i suoi pezzi di vera innovazione. Secondo Mae, le sue collane trasformano “energia in bellezza”: i gioielli raccolgono la luce del sole durante il giorno e una serie di “perle” di luce a LED inizia a brillare e risplendere nell’oscurità. Caricare una collana per 2 ore dovrebbe darti un minimo di 4 ore di illuminazione.  Questi accessori aumenteranno di popolarità? Possiamo solo aspettare e vedere. Oppure, ancora meglio, comprarla!

Sei ufficialmente invitato

Entra a far parte della community GREEN GENIUS e ricevi le ultime notizie.

Cliccando su Iscriviti, accetti di ricevere email da GREEN GENIUS e dai partner selezionati. Ci teniamo alla tua privacy! Potrai sempre cancellarti cliccando sul link in fondo alla newsletter.

Commenti