Caro bollette, diamoci un taglio: come risparmiare il 20 per cento

La Repubblica

Leggi l’intero articolo su repubblica.it

Arriva in Italia il nuovo sistema che semplifica il passaggio all’energia fotovoltaica. Un taglio di un quinto che può essere anche maggiore se il consumo è intelligente. Il giorno si utilizza l’elettricità prodotta dal sole, la notte quella del vecchio gestore. Nessun costo per i pannelli (si noleggiano). A maggio e novembre i due rimborsi.

Le nuove tecnologie cambieranno il mondo. Quante volte ce lo siamo sentiti dire, eppure gli effetti sono spesso invisibili. Ancora oggi, ogni possibile rivoluzione si porta appresso quintali di pratiche e burocrazia. Le imprese più innovative del momento concentrano i loro sforzi non tanto sulla ricerca, quanto sul rendere accessibili i nuovi strumenti che possono facilitarci a vita, mantenere il mondo pulito, addirittura farci risparmiare.

Il settore dell’energia, in seguito alla liberalizzazione del mercato, è uno dei terreni principali di questa competizione. Bisogna andare prima di ascia per destreggiarsi nella giungla di offerte, tariffe che rincarano senza motivo, offerte imperdibili con la postilla traditrice scritta in caratteri illeggibili, fregature che non ti aspetti sotto la dicitura “conguaglio”.Caro bollette, diamoci un taglio: come risparmiare il 20 per cento

Una famiglia media, in Italia, spende tra i mille e i milleduecento euro l’anno di energia elettrica. È un costo immotivato, tra i più alti in Europa, proprio per il ritardo tecnologico dei nostri impianti e perché, malgrado gli incentivi e una legislazione adeguata, riusciamo sempre a complicarci la vita con una messe ingestibile di autorizzazioni e certificazioni impraticabili per chi ogni giorno lavora e bada alla propria famiglia.

Il fotovoltaico è un esempio lampante: anziché essere una risorsa per tutti, in Italia è stato spesso utilizzato in modo speculativo come investimento per i pochi che potevano permetterselo, sfruttando gli incentivi più per il proprio tornaconto che per un vantaggio collettivo.

Da qualche mese è arrivato un player importante nel campo dell’energia che mette in pratica ciò che in Nord Europa è in vigore da tempo e che ha cambiato (molto in meglio) i costumi di vita di tanti cittadini. Si chiama Green Genius (gruppo internazionale Modus, un colosso della green economy) e solleva l’utente da ogni incombenza che non sia quella di un consumo intelligente. Intanto non richiede l’acquisto dei pannelli fotovoltaici: l’utente “noleggia” i pannelli, delegando all’azienda non solo l’installazione ma anche tutte le pratiche annesse (e chi ci è passato sa di quale inferno si stia parlando).

A questo punto non si diventa solo consumatori ma produttori di energia, beneficiando dei due bonifici annuali che arrivano a giugno e novembre dal Gse, il Gestore dei servizi energetici del Ministero delle Finanze. Il giorno si produce e si consuma energia fotovoltaica pagandola a Green Genius (vendendo quella non utilizzata), la notte si torna a consumare l’energia fornita dal vecchio gestore. La cosa più intelligente, perciò, è azionare lavatrici e lavastoviglie di giorno, meglio se in nostra assenza, così da ottimizzare il consumo e aumentare il risparmio. Piccoli accorgimenti che a fine anno possono tradursi in un risparmio anche di trecento euro, sui mille-milleduecento di prima. Per sicurezza Green Genius fissa al 20 per cento la soglia di risparmio con il proprio sistema.

La tariffa media Green Genius per le abitazioni private è di 11 cent al kWh, più bassa del 50 per cento rispetto a qualsiasi fornitore di energia, che oltre al costo energia applica il costo del trasporto, più le tasse e le altre voci che si vedono in bolletta.

Semplici anche le modalità per adottare questo modello. Basta inviare al sito greengenius.it una foto del proprio tetto di casa (non parliamo di tetti condominiali ma di singole proprietà, compresi i capannoni industriali e in quel caso l’impianto sarà doppio, da 6 kw) e allegare l’ultima utenza. Tutto da casa, tutto in rete, senza code e senza attese. In pochi giorni arriva l’eventuale assenso e si riceve un‘offerta personalizzata senza impegno. Tutto questo rendendo l’aria e l’ambiente più puliti. Perfino la coscienza, per chi ci tiene ancora

Commenti